• Notizie
  • Le mascherine Unicoop aiutano il Meyer
Le mascherine Unicoop aiutano il Meyer

Le mascherine Unicoop aiutano il Meyer

1 settembre 2020

La collaborazione con Unicoop Firenze si arricchisce con uno strumento utile per tutti in questo periodo di convivenza con Covid-19: le mascherine in tessuto, lavabili e solidali.

Sono fatte in Toscana e distribuite nei loro punti vendita. Da adesso sono disponibili anche allo Shop solidale della Fondazione Meyer. Sono lavabili ed in tessuto effetto jeans.

 

Per ogni pezzo acquistato un euro verrà devoluto alla Fondazione Meyer, nell’ambito della collaborazione triennale, a sostegno del progetto di allargamento dell’ospedale “MeyerPiù”.


COME SONO FATTE?

Le mascherine, con un triplo strato di cotone (due strati interni antibatterici e uno strato esterno antigoccia) sono certificate come Dispositivo Medico Ce di tipo 1. Lavabili, possono essere riutilizzate fino a 30 volte, così aiutano l’ambiente. Vengono vendute in due misure: la più grande, oltre che dagli adulti, può essere utilizzata anche dagli adolescenti dagli 11 ai 17-18 anni.

Si trovano in tessuto effetto jeans, riportano il logo del Meyer e sono disponibili con gli elastici in cinque diversi colori fluo. Il costo è di 5,90 euro ogni mascherina.
“Con le mascherine pediatriche e solidali vogliamo offrire ai nostri soci e clienti uno strumento indispensabile per tutelare la salute dei più piccoli e un modo in più per sostenere l’eccellenza pediatrica del nostro territorio e nazionale, l’Ospedale Meyer” – afferma Daniela Mori, presidente del Consiglio di Sorveglianza di Unicoop Firenze – “la collaborazione con la Fondazione per il progetto MeyerPiù va avanti da tre anni, durante i quali abbiamo visto la grande partecipazione dei nostri soci nel sostegno al progetto di crescita dell’ospedale. Infine, le mascherine pediatriche riutilizzabili contribuiscono a tutelare l’ambiente, che è la priorità proprio per i più giovani”.

“Siamo contenti che, ancora una volta, l’amicizia che ci lega a Unicoop Firenze si concretizzi in un gesto di salute nei confronti dei bambini. Per noi, al Meyer, questo fa parte di un disegno di cura globale che mette, da sempre, il bambino al centro. Questo è importante oggi più che mai: gli ultimi mesi ci hanno infatti visti alle prese con una situazione sanitaria inedita, alla quale rispondiamo con attenzioni sempre maggiori, per garantire la tutela dei piccoli, grandi protagonisti del nostro operato”, ha detto Gianpaolo Donzelli, presidente della Fondazione Meyer.