La Triathlon ONLUS per la Fondazione Meyer

Consegnati 130.000 euro per implementare la Neurochirurgia Pediatrica del Meyer con un modernissimo Sistema di Neuronavigazione.

E’ stato simbolicamente consegnato da due ragazze ed una bambina un assegno simbolico di 130.000 euro alla Fondazione dell’Ospedale Pediatrico Meyer frutto delle donazioni raccolte dall’Associazione Triathlon ONLUS per sostenerel’attività di eccellenza della Neurochirurgia Pediatrica del Meyer.

A ritirare la donazione sono stati il Dott. Lorenzo Genitori, Coordinatore regionale per la neurochirurgia ad indirizzo pediatrico e il Dott. Federico Mussa, Neurochirurgo del Meyer nell’ambito di una serata organizzata dall’Associazione Triathlon ONLUS.

LE IRONMAN.

L’ingente donazione nasce accanto alle gesta sportive dei soci della Triathlon ONLUS, che li ha visti impegnati in due difficili competizioni sportive: le Ironman 70.3 a Cannes e a Rappersville, Svizzera. 
La Ironman 70.3 è una competizione che consiste in tre frazioni da affrontare in sequenza: 1,9 km di nuoto (1,2 miglia), 90 km in bicicletta (56 miglia) e 21,097 km di corsa, mezza maratona (13,1 miglia). La definizione di Ironman 70.3 è il risultato dalla somma delle tre distanze in miglia terrestri (1,2 + 56 + 13,1 = 70.3).

LA CONSEGNA ALLA FONDAZIONE MEYER.

All’impegno sportivo dei tre soci fondatori Fabrizio Masoni e Gianmarco Pinori, titolari delle Imprese Amiche del Meyer Masoni SpA e SAPA, insieme a James Ferragamo della Ferragamo SpA, altra storica impresa amica, si sono uniti altri atleti, ma soprattutto una rete di amici ed aziende che hanno generosamente deciso di accompagnare il gesto sportivo e solidale dell’Associazione Triathlon ONLUS.

Questa operazione, in stretto coordinamento con la Fondazione Meyer, ha consentito una raccolta di 130.000 euro che sono stati consegnati in una serata organizzata da Louise Holm Ferragamo e Federica Martini Masoni alla quale sono intervenuti anche il Commissario dell’AOU Meyer, Alberto Zanobini e Gianpaolo Donzelli ed Alessandro Benedetti rispettivamente Presidente e Segretario Generale della Fondazione Meyer.

IL NEURONAVIGATORE.

La raccolta fondi sarà destinata all’acquisizione di un neuronavigatore di ultimissima generazione, dotato di un software che consente la ricostruzione di un modello in 3D dell’encefalo del paziente. Questo modello tridimensionale è estremamente attinente alla realtà al punto tale che è possibile, navigando con gli strumenti chirurgici, letteralmente vedere attraverso il cranio le malattie tumorali o le malformative che devono essere asportate. Questo strumento oltre a rendere molto meno pericolosi alcuni tipi di interventi altamente rischiosi, renderà possibili alcuni interventi prima ritenuti non eseguibili.

La neuronavigazione è di fatto il primo passo compiuto in ambito neurochirurgico verso la robotizzazione del gesto chirurgico. In questo particolarissimo tipo di neurochirurgia non siamo ancora in presenza di un gesto chirurgico con un completo controllo meccanico.

Il gesto della mano del chirurgo è ancora fondamentale, ma in questo caso è stabilmente monitorato da un computer che ne traccia in tempo reale la posizione: per cui il chirurgo, confrontando in tempo reale il suo gesto con le informazioni restituite dal computer, ha “la mano” di fatto costantemente guidata dal computer.

I PROSSIMI APPUNTAMENTI CON LA GENEROSITA’.

L’impegno della Associazione Triathlon ONLUS non finisce qui. Il prossimo 5 settembregli atleti saranno impegnati a Forte dei Marmi per una Triathlon su distanza olimpica ed il grande obiettivo sarà la partecipazione alla Ironman di Zurigo nel luglio 2016 con un nuovo grande obiettivo di solidarietà a favore della Fondazione dell’Ospedale Pediatrico Meyer.