Prof. Flavio Giordano

Centro Spina Bifida e Idrocefalo

Prof. Flavio Giordano

Il prof. Flavio Giordano si è laureato in Medicina e Chirurgia e ha conseguito il diploma di specializzazione in Neurochirurgia presso l’Università di Torino.

Dopo uno stage nel 2000 presso l’Hopital Neurologique et Neurochirurgicale di Lyon (France), ha iniziato l’attività di Neurochirurgo ad indirizzo pediatrico prima presso l’ospedale Regina Margherità di Torino (2001-2004) poi dal 2004 a oggi presso l’ospedale Meyer di Firenze.

Numerosi sono stati i periodi di formazione all’estero presso diversi centri di eccellenza: Hopital Enfants Malades a Parigi, Great Ormond Street Hospital a Londra, CHU Saint Anne Parigi, CHU Grenoble, Montreal Neurological Institute (MNI) McGill University, Montreal (Canada).

Attualmente è responsabile dell’Unità Semplice di Neurochirurgia funzionale e dell’epilessia, e del centro Spina Bifida dell’AOU Meyer.

Centro Spina Bifida e Idrocefalo

Il Centro è un punto di riferimento importante a livello regionale e ha attualmente in cura un migliaio di pazienti.

Il Centro coinvolge gli specialisti di diverse discipline per garantire le attività cliniche, di diagnostica, cura e riabilitazione dei bambini colpiti da questa patologia, nonché la promozione di attività di prevenzione, educazione sanitaria e ricerca scientifica.

Il Centro che opera con il supporto dell’Associazione delle famiglie, fortemente impegnata nel sostegno di queste attività, riconosce per questi bambini e queste famiglie fondamentale il supporto psicologico, sempre più indispensabile nella delicata fase di passaggio al mondo adulto di questi pazienti.

Un’esigenza importantissima che con le Associazioni e l’ospedale, si è tradotta in servizi.

Spina Bifida Aperta o Mielomeningocele

La Spina Bifida Aperta o Mielomeningocele è una delle più frequenti malformazioni del sistema nervoso centrale e consiste incompleta chiusura del midollo spinale e dei suoi involucri durante la vita fetale.

Il bambino affetto da Spina Bifida si trova nelle condizioni paragonabili a quelle di un paziente paraplegico vittima di un trauma spinale, non solo limitato nei movimenti ma compromesso anche nelle funzioni urologiche e colpito da malformazioni vertebrali (scoliosi) e ortopediche in genere.

In Italia, anche dopo la applicazione sistemica della profilassi prenatale con Acido Folico, si registra una prevalenza di questa malformazione in 1 neonato su 8 mila.

Questo non trascurabile numero di bambini colpiti e la complessità della patologia, rendono sempre più fondamentale la presenza di una rete nazionale di Centri di riferimento specialistici, capaci di garantire una presa in carico multidisciplinare volta non solo al trattamento della malattia in sé, ma anche a perseguire la migliore qualità di vita di questi piccoli pazienti.

Tutti questi obbiettivi sono alla base dell’impegno quotidiano del Centro per la cura della Spina Bifida dell’Ospedale Pediatrico Meyer, della Associazione Toscana Idrocefalo e Spina Bifida (ATISB) che ne è il fondamento, e di tutte le Associazioni dei genitori che con essa collaborano.

Il Centro Spina Bifida del Meyer si colloca sicuramente tra i primi a livello nazionale e internazionale (circa mille bambini italiani dalla Toscana e da altre Regioni, e stranieri afferiscono al Centro).

Puoi sostenere il Centro Spina Bifida

Bonifico Bancario
Banca Intesa Sanpaolo
Intestato a: Fondazione Ospedale Meyer
IBAN: IT90T0306902910100000008775
SWIFT/BIC: BCITITMM
Causale: prof Giordano Centro Spina Bifida

Bollettino postale
Conto Corrente Postale: 17256512
Intestato a: Fondazione Ospedale Meyer
Causale: prof Giordano Centro Spina Bifida

PERCHÈ È IMPORTANTE FARE UNA DONAZIONE

Medici, infermieri, imprenditori, volontari, dipendenti. Siamo in tanti ad accompagnare il cammino di guarigione dei nostri bambini. E poi ci sei tu, che hai un ruolo importante. Con la tua donazione che si traduce in azione concreta.
ECCO I NUMERI DELL'OSPEDALE PEDIATRICO MEYER, CHE DA SEMPRE SOSTENIAMO
Accessi al Pronto Soccorso
Giorni di accesso al day hospital
Prestazioni ambulatoriali (diagnostiche e di laboratorio)
Bambini dimessi (ordinari)
Casi chirurgici ordinari e in day hospital