Monge e Meyer: un aiuto “a quattro zampe”

 

Da famiglia a famiglia. Può essere sintetizzato così il sostegno che l’azienda familiare Monge di Cuneo ha scelto di dedicare alla Fondazione Meyer per il progetto di Pet-Therapy, l’attività assistita all’interno dell’ospedale pediatrico con gli amici a quattro zampe.

Solo con la forte unione familiare – sono parole della famiglia Monge – si riesce a superare emotivamente il grande ostacolo della malattia e gli animali possono, con la loro semplicità di dialogo con i bambini, esserne i protagonisti.

L’azienda, che dal 1963 produce pet food per animali di tutta Italia e non solo, ha molto apprezzato
il progetto della Fondazione Meyer dedicato a garantire la presenza dei quattro zampe in corsia.

La decisione di sostenere la Pet Therapy al Meyer è stata presa da Monge  a seguito di una loro visita in
Ospedale. I vertici dell’azienda hanno apprezzato e “toccato con mano” alcune caratteristiche del Meyer che si apprezzano solo con un contatto diretto: la capacità degli operatori, l’umanità che si percepisce, l’accortezza verso i bisogni non solo dei piccoli pazienti, ma anche delle loro famiglie, l’aiuto concreto che viene offerto dai pelosetti a quattro zampe, le belle iniziative offerte, l’attenzione verso la necessità di istruzione per i pazienti lungo-degenti, il calore familiare
in corsia.

Al termine della loro visita ci hanno detto: “La nostra è una famiglia e ci è sembrato che in un certo senso anche il Meyer lo sia”.

I vantaggi derivanti dal sostegno al Meyer, Monge li ha sintetizzati così: unione fra tutti i collaboratori interni, maggiore familiarità con i consumatori e tutti i clienti.

 

Bambina al Meyer con cane pet therapy

Una bambina al Meyer con il cane “Polpetta” della Pet Therapy