La carica dei 300 piccoli rugbysti

Trecento piccoli rugbysti, una fine settimana di maggio e tanta voglia di crescere praticando uno sport sano, con lo spirito giusto. Sono questi gli ingredienti di “rugbYnsieme”, il torneo organizzato da Sesto Rugby che il 14 e il 15 maggio ha visto scendere in campo i bambini di alcune squadre toscane (categorie
6, 8, 10 e 12).

I piccoli sono stati divisi in squadre “miste” per abbassare quel livello agonistico del gioco che spesso rappresenta un fattore limitante per lo sviluppo dei piccoli atleti.

Quest’anno, la due giorni di sport ha voluto dare vita a una raccolta benefica, destinata alla Fondazione Meyer: prima di iniziare le partite, tutti i bambini hanno donato 1 euro, mettendo la loro donazione in
una cassettina posizionata a bordo campo.

Un gesto simbolico, ma al tempo stesso di grande importanza. I ragazzi scesi in campo, nonostante il clima più che amichevole dovuto alla particolarità dell’evento, si sono comunque impegnati al massimo: sono state disputate partite di grande intensità e con tante belle azioni. Un’esperienza divertente che, al tempo stesso, ha rafforzato lo spirito di correttezza e del fair play.

Se l’ASD Sesto Rugby è stata l’organizzatrice dell’evento, la partecipazione di tutte le squadre che hanno risposto all’appello merita un ringraziamento speciale: in campo sono scesi il Firenze Rugby 1931, I Puma Campi Bisenzio, il Gispi Prato, il Vasari Arezzo, gli Amatori Prato, lo Scandicci Rugby, i Lions Livorno, il Rugby Mugello, il Val di Sieve Rugby e l’Etruria Piombino Rugby e il Florentia rugby.

Lo sport e la solidarietà sono un binomio vincente, capace di far crescere piccoli campioni e soprattutto grandi uomini.