Il bilancio della Fondazione Meyer: la fiducia dei donatori cresce ancora

Il Consiglio di Amministrazione della Fondazione Meyer ha approvato il Bilancio di esercizio 2013 che riporta sia il quadro finanziario e gestionale della Fondazione, sia tutte le attività e i risultati conseguiti dall’Ospedale grazie al fondamentale
sostegno assicurato dalla Fondazione.

Un anno dal segno più. I risultati lusinghieri sono molti. In particolare, il totale di raccolta del 2013 è aumentato in ogni sua componente e il totale raccolto è del 17,63% superiore all’anno precedente (valore assoluto + 996.335 euro).

Crescono le donazioni in natura (beni mobili, immobili e servizi) e la raccolta derivante dal 5×1000. La raccolta in denaro cresce dell’ 8,65% (valore assoluto + 284.958 euro) ed il totale di raccolta, esclusa la quota del 5×1000, è in crescita del 15,92%.

L’efficienza e gli impieghi. Ma come vengono impiegati questi soldi? Gli indici di efficienza ed efficacia della Fondazione sono tra i migliori a livello nazionale per le ONLUS e nel 2013 hanno consentito di dedicare l’83,1% alla missione istituzionale mentre il 7,9% è stato relativo ai costi di comunicazione e fundraising e il 9% è rappresentato dai costi di supporto.

La Fondazione Meyer sostiene in modo determinante lo sviluppo della ricerca scientifica dell’Ospedale, oltre all’attività sanitaria e all’aggiornamento tecnologico. Le risorse destinate a queste ultime due voci nel 2013, si attestano a 3.958.104 euro, ovvero l’85% delle risorse.

Ogni anno vengono destinati alla ricerca scientifica 500mila euro, sia per il Progetto Giovani Ricercatori sia per il sostegno di borse di studio con l’Università degli Studi di Firenze. A questi si aggiungonogli investimenti per l’attività sanitaria e le
tecnologie, che nello scorso anno sono statidi 2.500.000 euro destinati a Hospice, Trauma Center, Cell Factory, G.A.I.A., Fibrosi Cistica, Centro Ustioni e Cure Domiciliari.

L’accoglienza. Parallelamente la Fondazione è da sempre impegnata nel miglioramento della qualità dell’accoglienza dei bambini e delle loro famiglie: il 15% (equivalente a 689.171 euro) delle risorse è stato destinato proprio a queste attività.
I clown, la musica in corsia, la pet therapy, la Ludoteca, l’Ortogiardino e una forte attenzione all’ospitalità delle famiglie e dei piccoli pazienti del Meyer: sono tutte esperienze quotidiane che fanno del nostro un ospedale “a forte valore aggiunto”.
I donatori. Ma a crescere è evidentemente anche la fiducia dei donatori: il numero totale di donazioni è aumentato del 16,75%. In questo senso si sono dimostrate particolarmente incisive le campagne di comunicazione e fundraising del Natale e del 5×1000: proprio il ritorno degli investimenti destinati a quest’ultima campagna rappresenta per la Fondazione il maggior introito, percentualmente e in valore assoluto.

Il cinque per mille. La Fondazione si colloca al nono posto nazionale nella classifica delle Onlus beneficiarie del cinque per mille: in totale sono state 117.674 le persone che hanno scelto di donare il loro cinque per mille alla Fondazione, per un importo totale di 2.842.922,79.Il dato è eloquente, specie se confrontato a quello degli anni precedenti: nel 2006, ad esempio, si attestava a 1.061.008,59, in progressiva crescita sino ad arrivare ai comunque inferiori 2.690.339,29 erogati dallo Stato nel 2011.

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *