Elogio dell’imperfezione. Un nuovo paradigma di cura.

Domenica 13 maggio 2018, dalle ore 17 alle 19 presso la Villa San Leonardo al Palco (Prato) il presidente della Fondazione Meyer prof. Gianpaolo Donzelli – nel contesto del Master in Accompagnamento spirituale nella malattia e nel morire di TuttoèVita Onlus – tiene un seminario breve sulla scienza, la etica e la spiritualità nella cura.

Temi proposti:
1. Le verità difficili della cura: la persona tra pensiero scientifico e pensiero umanistico
2. Lo stupore del medico antiquato e l’emancipazione della medicina
3. La narrazione della cura
4. La “poesia della cura” e la “cura come poesia”
5. La centralità della spiritualità nella fragilità
6. “Inno a Iside”, per una spiritualità aperta
7. Che senso ha tutto questo

 

“Bisogna lasciare che le altre discipline si contaminino col sapere medico, mettere insieme l’osservatorio biologico-positivistico della medicina col mondo umanistico, creare un nuovo sapere che si basa sulla riflessione che il rapporto col paziente è il rapporto con la globalità della persona, in cui si studia l’armonia o meno delle parti.”
(G. Donzelli)