Bilancio 2015

Tecnologia, ricerca e accoglienza. Ecco a cosa servono le vostre donazioni. Per fare un grande Ospedale Pediatrico servono molte cose: una tecnologia all’avanguardia, dei bravi medici, una ricerca che funziona e una grande attenzione a tutte le esigenze dei piccoli, intesi come bambini e non come pazienti.

La qualità dell’accoglienza, per noi, è importante quanto la cura. Grazie alle vostre donazioni, la Fondazione ha potuto, anche quest’anno, investire risorse per migliorare il Meyer e farlo crescere ancora.

In queste pagine, vogliamo informarvi di come abbiamo investito le vostre donazioni. Tra i tanti obiettivi che abbiamo raggiunto, ne abbiamo selezionati alcuni (altri li trovate a pagina 7 e a pagina 10 della nostra rivista). Ma il nostro bilancio è scaricabile dal sito della Fondazione.

E il prossimo 29 settembre alle ore 9.30 nell’Aula Magna al primo piano dell’Università, presenteremo questo importante documento alla nostra comunità. Siete tutti invitati.

ADM_2_2016_bil_grafico

 

ESEMPI CONCRETI
Come impieghiamo le risorse

1 – Un neurorobot e un sistema di neuronavigazione
Una tecnologia all’avanguardia è fondamentale per garantire la qualità delle cure ai nostri bambini. Nel 2015 la Fondazione ha investito nell’acquisto di un neurorobot, indispensabile per trattare  chirurgicamente tutte quelle patologie cerebrali per cui è necessario operare in grande profondità. Si tratta di un sistema di monitoraggio e stimolazione neurofi siologica che permette l’effettuazione di applicazioni neurochirurgiche di altissima precisione, praticamente indispensabili in moltissimi interventi e, in particolare, nella chirurgia dell’epilessia. Grazie alla sua estrema precisione e versatilità nel calcolo delle traiettorie di ingresso al cervello, il robot permetterà di ridurre del 50% il tempo degli interventi e diminuirà la percentuale di complicanze. È stato anche necessario implementare il sistema di neuronavigazione: l’apparecchiatura, di ultima generazione, ha funzioni innovative.

2 – Neurologia pediatrica
La ricerca svolge un ruolo fondamentale. Per questo la Fondazione ha sostenuto tre borse di studio della scuola di dottorato di ricerca nell’area del farmaco e dei trattamenti innovativi nella struttura di Neurologia pediatrica, diretta dal professor Renzo Guerrini che si occupa della diagnosi e della cura delle patologie neurologiche.

3 – L’imaging in sala operatoria
L’Ospedale Meyer ha anche un’anima universitaria: tra i suoi compiti istituzionali, c’è anche la formazione degli studenti. La Fondazione ha così deciso di sostenere un progetto per dotare tre sale operatorie di un sistema di videoregistrazione. Le immagini possono essere utilizzate a fini formativi, ma anche di archivio.

4 – Oncoematologia pediatrica
È anche grazie alle vostre donazioni che sarà possibile risolvere alcune delle principali criticità dell’attività di Oncoematologia. Con lo spostamento dell’attuale Day Hospital, sarà possibile ampliare l’area di degenza con alcuni interventi di miglioramento generalizzato. Intanto sono già state realizzate quattro stanze con fi ltro e Unità di trattamento aria. Per l’Oncoematologia è cruciale anche la ricerca:
per questo abbiamo fi nanziato una borsa di studio sulla “Caratterizzazione genetica molecolare istocitosi cellule di Langherans”.

5 – Terapia intensiva neonatale
Un’incubatrice da trasporto di ultima generazione per permettere ai neonati affetti da patologie che necessitano di cure mediche o interventi chirurgici di raggiungere il Meyer con elevatissimi standard di comfort e sicurezza. Ergonomica e leggera, potrà viaggiare a bordo di un’ambulanza e, se necessario, anche di un aereo o un elicottero. A renderla ancora più speciale, la tecnologia 2.0, che la trasformerà in un’unità di telemedicina sempre collegata con gli specialisti della Tin del Meyer.

6 – Un ecografo per la diagnosi prenatale
Al Meyer ci prendiamo cura anche dei bambini che stanno per nascere: per identifi care possibili  patologie nei casi in cui sia stato identifi cato un rischio aumentato di patologia fetale congenita. La Fondazione ha sostenuto l’acquisto di un ecografo innovativo e di altissima gamma per migliorare il servizio della diagnostica e potenziare l’ambulatorio codice rosa.

7 – Oftalmologia pediatrica
Un microscopio operatorio che permette di effettuare interventi complessi per il reparto di Oftalmologia pediatrica. Lo strumento è dotato di caratteristiche ottimali per la chirurgia vitreo retinica (soprattutto per i pazienti prematuri che sviluppano la retinopatia), ma anche per la chirurgia del glaucoma e della cataratta congenita.